La nuova frontiera dell’home working

Da forzato ad abituale: come organizzare il lavoro da casa come metodo di lavoro continuativo, da pensare e progettare

Secondo l’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, il 64% delle aziende ha richiesto ai propri dipendenti di lavorare da casa durante la pandemia Covid–19: una percentuale molto alta e un cambiamento repentino che ha rivoluzionato la quotidianità dei lavoratori, sia dal punto di vista pratico – dovendosi organizzare, negli spazi e nelle tecnologie, per lavorare da casa – sia dal punto di vista psicologico, essendo cambiati all’improvviso tutti i parametri, fra modalità di relazione e di lavoro. Una prima distinzione è fondamentale, perché quanto successo nei mesi passati ha pochi punti in comune con il concetto di smart working, basato sulla flessibilità, sulla libertà di scelta dell’individuo, che può lavorare dentro o fuori ufficio in funzione degli obiettivi da raggiungere e delle attività da svolgere. In questo caso è stata una scelta obbligata: l’home working è stata l’unica alternativa possibile e ciascuno si è dovuto adattare nel miglior modo possibile.

Realizzata in polipropilene, la sedia Basil, di Calligaris, si ispira alla sagoma di una foglia di basilico. La nervatura centrale diventa tema strutturale e decorativo e la sedia può essere declinata seguendo varie tipologie, fra cui quella più adatta al home office: con struttura in alluminio, girevole su ruote

Due, i nodi principali che i lavoratori hanno dovuto affrontare: trovare, fra le pareti di casa, lo spazio per organizzare il proprio ufficio e aggiornare le tecnologie a disposizione per riuscire a mantenere l’efficienza necessaria allo scambio dei dati. A proposito di spazio di lavoro, l’adattamento sviluppato in fase di emergenza ha obbligato la maggioranza delle persone a trovare nella propria abitazione un angolo estemporaneo dove lavorare. Dall’indagine “Remote Working in Italia” – redatta dall’International Market Research di CSIL e presentata a pag. 28 – emerge che “la stragrande maggioranza dei soggetti è stata costretta dalla pandemia a un adattamento repentino delle proprie abitudini lavorative in stanze generalmente destinate ad altri scopi. Quasi la metà del campione lavora in soggiorno, lo spazio probabilmente più ampio e versatile, nella cucina (15%) o in camera da letto (16%)”.
Se questi sono dati relativi all’’emergenza, nel vicino futuro, che vedrà una maggiore affermazione del lavoro da casa, sarà necessario strutturarsi e trovare una soluzione per comporre la propria postazione di home working, per la quale arredi multifunzione, flessibili ed ergonomici rappresentano le alternative migliori.
Una volta composto lo spazio lavorativo si apre il secondo nodo: le tecnologie. Il 20% dei dipendenti già prima dell’emergenza lavorava da casa per uno o due giorni la settimana e quindi – grazie alle dotazioni fornite dall’azienda o alle proprie forze – si tratta di una quota di soggetti già organizzati; la restante percentuale, in questi mesi, dovrà dotarsi di tecnologie e connettività che permettano di supportare le attività e l’accesso dei dati da remoto in piena sicurezza, soprattutto rispetto a eventuali attacchi informatici.
Una volta organizzato lo spazio di lavoro nella propria abitazione e aggiornate le tecnologie, ci sono alcuni aspetti ‘immateriali’ da tenere in considerazione perché il lavoro da casa sia confortevole e, quindi, produttivo. In alcuni casi sarà necessaria una formazione, perché il passaggio dal lavoro in sede a quello da casa prevede dei cambiamenti nell’approccio alla propria attività. Come sottolinea lo psicologo Alessandro Simeone che, nel box a pagina seguente, raccoglie alcuni suggerimenti su come affrontare la quotidianità negli spazi di lavoro post Covid-19. In generale, rimane un punto: il lavoro da casa non dovrebbe essere l’unica opzione possibile, ma dovrebbe potersi alternare con il lavoro in sede. In ufficio, infatti, grazie alla relazione con le varie professionalità e personalità, allo scambio di esperienze e idee, si alimenta la ‘cultura d’impresa’ e si rafforza il senso di appartenenza e di comunità fondamentale per motivare i dipendenti nel proprio impegno lavorativo.
Mantenendo viva questa consapevolezza, abbiamo analizzato – con il contributo di alcuni progettisti – quali sono i cardini fondamentali per riorganizzare gli spazi di lavoro in casa, quali gli arredi da comprendere e quali le difficoltà da superare.
.

Moleskine, di Driade, è una scrivania disegnata da Philippe Nigro. Il piano, in multistrato di betulla impiallacciato in rovere, è apribile a ribalta e poggia su una struttura in lamiera di acciaio verniciato nero opaco con dettagli in rovere. Completa il prodotto un kit di accessori costituito da pannelli ed elementi scorrevoli per comporre la propria scrivania su misura
Lo scrittoio Gauss, di Bonaldo, è definito da un piano curvilineo in legno noce Canaletto a cui si aggiunge un ripiano sopraelevato, pensato come una mensola sospesa in ceramica attaccata al piano attraverso due asticelle metalliche. Le gambe dello scrittoio, disposte in modo asimmetrico, danno carattere al prodotto
Eclipse, di Diemmebi, è una sedia monoscocca, disegnata da Angelo Pinaffo ispirandosi allo spirito modernista degli anni 60. Definita da una silhouette leggera, è oggi proposta con gambe in legno tornito, che genera un contrasto con il materiale tecnologico della seduta (PP), o nella versione con quattro gambe e base in metallo nella finitura rose gold
La consolle multifunzione DV910-Oxford, di DVO, è composta da un piano di lavoro canalizzato, una cassettiera disponibile in due larghezze, una zona armadio con ante scorrevoli e un appendiabiti. La disposizione dei singoli elementi può essere personalizzata
Uni, di Et al, è una sedia con telaio a quattro gambe in tubo di acciaio e seduta in polipropilene; è disponibile in numerose varianti sia per il colore della seduta che per la tipologia di gambe, che possono essere equipaggiate anche con rotelle
La linea Smart, di Luxy, è stata studiata appositamente per dare comfort al lavoro da casa e comprende sedute studiate per accompagnare il corpo e garantire una postura corretta. Avvolgenti e leggere, sono disponibili in diversi colori
Web, disegnato da Piero Lissoni per Porro, è un piano d’appoggio multifunzione pensato per portare apparecchiature con computer, televisori e impianti hi-fi; può essere usato come scrittoio e attrezzato con barra cablata e mensole. La struttura viene proposta in una serie di legni o in laccato opaco o lucido nei colori di campionario




La riorganizzazione degli spazi di lavoro

Nelle prime settimane e nei primi mesi di quarantena e di emergenza Covid-19 ci si è organizzati ciascuno al meglio delle proprie possibilità: la sede di lavoro è diventata per qualcuno il soggiorno, per altri la cucina o la camera da letto, per altri ancora un angolo del corridoio o dell’ingresso. Ora il momento di emergenza è passato, l’home working è diventato uno standard e, di conseguenza, diventa fondamentale strutturarsi. Come fare? Alberto Cominelli, head of project management Italy di CBRE Building Consultancy, racconta: “Una delle maggiori difficoltà riscontrate durante il periodo di lockdown è stata quella dovuta alla condivisione degli spazi domestici con partner e figli a loro volta impegnati in conference call e lezioni on–line. È quindi ragionevole pensare che negli anni a venire, in tempi normali, sarà più facile concentrarsi sul proprio lavoro anche da casa, dato che gli altri membri del nucleo famigliare saranno probabilmente a scuola o in ufficio. Nonostante ciò, l’organizzazione di uno spazio dedicato al lavoro all’interno delle proprie abitazioni è un tema cruciale: poter lasciare il proprio PC e i documenti sul tavolo rende più veloce la ripresa del lavoro dopo una pausa (o dopo un pasto, in cui si abbia un solo tavolo in casa). Ciò è dovuto anche a un meccanismo psicologico, dato che riallestire la propria postazione di lavoro a ogni ripresa può essere inconsciamente percepito come un ostacolo. E, considerato che l’acquisto di una casa con un locale in più da adibire a studio non è una soluzione alla portata di tutti, siamo convinti che da oggi gli sviluppatori immobiliari dovranno prevedere almeno una zona ’home–office’ in tutti gli appartamenti, concedendo qualche metro quadro in più a zone giorno e camere da letto. Altra soluzione sarà quella di aree co–working condominiali con accessi regolati e postazioni prenotabili da app di gestione del condomino”.

In assenza di spazi condominiali e dovendo necessariamente organizzarsi nel proprio appartamento, come progettare la postazione di Home Working trasferendo i parametri di comfort solitamente previsti in ufficio, fra ergonomia, buona acustica e corretta illuminazione… Risponde Massimo Roj, partner e amministratore delegato di Progetto CMR: “In queste settimane la vita degli uffici si è trasferita nelle abitazioni delle persone, producendo quasi un’inversione della tendenza che abbiamo visto negli ultimi anni: mentre fino a qualche tempo fa si parlava di ‘domesticità’ degli spazi di lavoro, riferendosi a quell’atmosfera volutamente ibrida tra ufficio e spazio informale, adesso è la casa che si trasforma in ufficio. Non sempre è semplice ricavarsi uno spazio all’interno della propria abitazione per realizzare una postazione di lavoro: per questo motivo, a mio avviso, sarebbe meglio non creare un ‘angolo–ufficio’ ad hoc ma optare per soluzioni di arredo che siano inserite già nel contesto domestico e che possano funzionare anche come postazione di lavoro. Proprio in quest’ottica, stiamo lavorando con alcuni produttori sia del settore residenziale che del mondo ufficio su alcuni elementi di arredo destinati all’ambiente domestico, ma che abbiano allo stesso tempo le stesse caratteristiche del prodotto da ufficio”.

.

Filigno, di Team 7, è un secrétaire con base in metallo nero opaco e rivestimento in pannelli in legno naturale spessi 12 mm; il piano scrivania è estraibile e ammortizzato in entrambe le direzioni: quando aperto, consente di stare più comodi grazie allo spazio aggiuntivo. Può integrare presa di corrente e USB, ricarica wireless per smarphone, portapenne in pelle e un cassetto segreto
Hook, di Newform, è una collezione di arredi studiati da Karim Rashid personalizzabile nelle finiture e nei colori; prevede piani in vetro o laminato che possono essere illuminati da un arco di LED, per liberare la scrivania dall’ingombro della lampada. Sotto la superficie principale si può inserire un secondo piano per un punto d’appoggio per fascicoli, agende e documenti
Boxie, di Pedrali, è un sistema contenitore disegnato da Claudio Dondoli e Marco Pocci e composto da ampi cassetti e piani in polipropilene inseriti all’interno di una struttura in acciaio. Può assumere conformazioni diverse in funzione di specifiche richieste
Le poltroncine della collezione LYZ di Potocco, disegnate da Mario Ferrarini, sono definite dalla linea sinuosa della scocca. Diverse le gambe disponibili: a slitta, cantilever in tubo di metallo, ispirate allo stile Bauhaus, e metalliche a cono
Il programma Smart Working di Prof permette di mixare le scrivanie delle collezioni dell’azienda, aggiungere mobili di servizio per contenere e archiviare e completare la postazione con le librerie e gli scaffali Profcase, le lampade Grace e i set da scrivania Sophie
Jocker, di Regent Lighting, è una lampada da scrivania equipaggiata con tecnologia Tunable Design: permette agli utilizzatori di adattare individualmente la temperatura del colore dell’apparecchio d’illuminazione da bianco caldo a bianco freddo in base alle necessità e allo stato d’animo. Diffonde un raggio di luce personalizzato e preciso; la sua ottica, con distribuzione della luce asimmetrica, è stata progettata per dirigere la luce esattamente dove ce n’è bisogno
Lady B è una serie di sedute studiate dallo Studio Zetass per Scab Design. Realizzate in tecnopolimero, sono ergomiche per offrire il miglior supporto




Gli elementi fondamentali: arredo, illuminazione ed ergonomia

Vediamo più da vicino quali sono le soluzioni più funzionali in termini di arredo, sistemi di illuminazione, soluzioni per l’isolamento acustico. “È necessario ricavare postazioni di lavoro stabili e adattabili a diversi usi tipici della vita domestica – afferma Alberto Cominelli –. Nel caso dei bilocali abitati da una coppia di persone si potrà prevedere una scrivania in camera da letto, in modo che una persona vi possa lavorare mentre il partner occupa il soggiorno. In questo caso, lo scrittoio potrà essere dotato di uno schermo fisso estraibile e utilizzabile anche come televisione da camera. È il momento di proporre soluzioni di arredo innovative, che dovranno reinterpretare i secrétaire delle case borghesi dell’Ottocento integrando dotazioni tecnologiche quali uno schermo fisso da collegare al laptop, prese elettriche, e caricatori per gli smartphone. Le principali caratteristiche dovranno essere: trasformabilità del prodotto d’arredo a seconda delle ore della giornata, dimensioni ridotte e integrazione tecnologica.

Microstick, di Quadrifoglio, è una lampada da studio con fonte luminosa LED. Emana una luce soft e senza contrasti; un sensore touch permette di accenderla e spegnerla, regolandone la potenza. È disponibile nelle finiture bianco, alluminio e nero

Altro tema fondamentale è l’ergonomia della postazione di lavoro. Questo aspetto riguarda principalmente la seduta: non tutti hanno passato un lockdown con la possibilità di utilizzare una seduta ergonomica e queste persone hanno capito l’importanza della cura dell’ergonomia che le loro aziende garantiscono in ufficio. Lavorare tutto il giorno seduti su uno sgabello o su una sedia da cucina è quanto di più fastidioso si possa immaginare”. Tanti temi, dunque, che prevedono l’intreccio fra flessibilità d’uso, ergonomia e integrazione con le tecnologie, per una probabile trasformazione dello stile degli arredi, il cui design dovrà avvicinarsi a quello del settore finora dedicato al mondo dell’ufficio e del contract. Ne parla Alessandro Adamo, partner di Lombardini22 e director di DEGW: “C’è sicuramente spazio per nuovi progetti, integrati ed ergonomici, che sappiano dialogare in armonia con il resto dell’arredamento. È possibile trasferire in casa alcune delle norme ergonomiche standard degli uffici. Tanto più che in casa, senza caffè e chiacchiere con i colleghi, trascorriamo più tempo davanti al monitor rispetto all’ufficio. Fra i suggerimenti, oltre alla necessaria ergonomia, il consiglio di ricavare, quando possibile, uno spazio personale dedicato al lavoro. Se in ufficio questo si traduce, nella maggior parte dei casi, in una scrivania nostra o in condivisione, in casa significa trovare un angolo giusto che possiamo allestire appositamente, accogliente e confortevole, adeguato al lavoro. Uno spazio in cui non ci siano disturbi esterni, per quanto possibile. Un altro consiglio riguarda l’introduzione di elementi di verde. Che si tratti di piante verdi da interno, oppure di una vista dalla finestra su un parco o un giardino, è bene considerare che gli elementi naturali aiutano la concentrazione, stimolano la creatività e l’energia”.

Server è la scrivania disegnata da Luigi Trenti per Tonelli Design; accoglie all’interno della struttura un ampio contenitore dove riporre tutto il necessario per svolgere il lavoro da casa. La consolle è in vetro fumé, con contenitore interno passacavi e scrittoio scorrevole su ruote

Concentrazione, creatività ed energia che devono essere parte fondante della ricerca e del progetto per la definizione dello spazio di lavoro dentro casa; se gli arredi possono rispondere alle esigenze funzionali, ci sono altri elementi più immateriali – dai colori alla temperatura della luce – capaci di collaborare nella creazione di uno spazio pensato per predisporre positivamente al lavoro. Ne parla Alessia Garibaldi, partner di Studiodc10, “Dall’esperienza maturata in questi anni abbiamo notato come l’utilizzo di alcuni materiali e colori influenzi in modo positivo la produttività e il benessere all’interno dei luoghi di lavoro. Questo tipo di percezione è quindi da ricercare anche all’interno delle abitazioni qualora queste fossero utilizzate in modo più permanente. Abbiamo imparato dalle neuroscienze che l’uomo ha un ritmo biologico che segue i cicli circadiani, che è estremamente sensibile e mutabile a seconda degli orari della giornata – ad esempio la mattina abbiamo bisogno di una luce fredda sui 4000 K, verso sera il corpo deve rallentare e si può scaldare l’ambiente con luci a 3000 K . Anche i colori generano reazioni differenti: quelli chiari sono rilassanti, i colori intensi come l’arancio danno energia e carica, gli scuri più concentrazione. Va quindi ricercato anche all’interno dell’abitazione uno spazio ben illuminato, dotato di tende e di differenti fonti di illuminazione, a volte basta l’integrazione con una semplice lampada da tavolo per consentire una migliore lettura dei documenti o visione dello schermo”. Ulteriori nodi da affrontare spaziano fra la necessità di poter usufruire di una corretta acustica – sia come requisito attivo che passivo, per non venire interrotti dai rumori ‘della famiglia’ e non disturbare – fino allo studio di sfondi adatti alle call, quindi arredi e scenari compatibili.
Ma il vero nodo della questione è come cambierà il mercato residenziale a seguito delle nuove funzioni che vengono attribuite alla casa. Ne fa un cenno Massimo Roj: “da un punto di vista progettuale, è una bella sfida per i creativi e i tecnici pensare ad elementi di arredo ’home office’ che si possano inserire in maniera fluida e armonica all’interno delle abitazioni. Allargando però la riflessione, con la commistione vita privata–vita lavorativa che si fa sempre più stretta e i ritmi sempre più fluidi e allargati, sarà fondamentale riuscire a trovare un punto di equilibrio tra queste due dimensioni per evitare che una inglobi l’altra. Abbiamo imparato che la propria abitazione, del resto, non è soltanto un luogo riparato dove mangiare e dormire, ma deve essere concepita nell’interezza e complessità delle funzioni che può essere chiamata ad assolvere ed è bene che queste siano contemplate quanto più possibile, anche solo quando si deve scegliere un nuovo elemento d’arredo. Proprio a questo proposito, concordo in pieno con Alvar Aalto che sosteneva: “We should concentrate our work not only to a separated housing problem but housing involved in our daily work and all the other functions of the city”.


Antonia Solari

Antonia Solari

Architetto e giornalista professionista, si occupa da diversi anni di contenuti relativi all'edilizia, a progetti di architettura e design e all'innovazione in questi ambiti, con particolare approfondimento sulle soluzioni sviluppate per contenere l'impatto sull'ambiente. Come freelance, scrive per diverse testate e si occupa di branded content

Officelayout è la rivista di Soiel International, in versione cartacea e on-line, dedicata ai temi della progettazione, allestimento e gestione degli spazi ufficio e degli edifici del terziario

Soiel International, edita le riviste

Copertina
Office Automation
Tecnologie e modelli per il business digitale

Dicembre
N. 12 - Sommario

Abbonati

copertina
Executive.it
Da Gartner, strategie per il management d'impresa

Novembre-Dicembre
N. 11/12 - Sommario

Abbonati

copertina
Innovazione.PA
La Pubblica Amministrazione digitale

Luglio-Settembre
N. 07/09 - Sommario

Abbonati